Post taggati ‘Grosseto’

Galleria di Maremma con effetti speciali

Godetevi la mia galleria di Maremma con l’estensione 3d cooliris. Come fosse un muro di fotografie potete scorrere tutta la galleria, tenete premuto il tasto sinistro del mouse per muovervi tra le immagini, cliccate le immagini per ingrendirle e la rotella per fare zoom. L’icona con la lente in basso evidenzia le foto taggate (ad esempio “Montemassi, o “colline”). Con il tasto accato share invece potete condividere le foto su tutti i social network, spedirle per email o includere il codice in qualsiasi altra pagina sul web. Davvero fantastico.

Presto forse la implementerò anche per le altre gallerie.

[nextgen_cooliris id=20 width=480 height=300 numrows=3]

Berlusconi a Grosseto

Berlusconi a Grosseto

Le capanne di Principina

principina_a_mare_capanne_05le capanne di principina a mare, verso la foce del fiume ombronele capanne di principina a mare, verso la foce del fiume ombronele capanne di principina a mare, verso la foce del fiume ombroneprincipina_a_mare_capanne_02_0

Ancora sulla spiaggia di Principina, voglio pubblicare dei vecchi scatti scansionati dalla marea di diapositive che ho in archivio. Soprattutto delle capanne che sorgono sempre più fitte camminando verso la foce dell’Ombrone.

Campagna elettorale a Grosseto, goliardia non brillante e vandalica

marrasboroPubblico uno scatto cittadino non troppo interessante ma frutto di uno sfogo personale di disgusto e indignazione. Riconoscerete tutti il soggetto se vivete in maremma. CONTINUA…

Appunti di fotografia: l'arcobaleno

arcobaleno_sm_03.jpgarcobaleno_sm_01.jpgGli arcobaleni completi sono rari. Ancora più rari sono gli arcobaleni doppi, un arco concentrico più debole ed esterno a quello principale. Talvolta si percepiscono anche i cosiddetti archi sopranumerari, linee concentriche interne che si fanno maggiormente visibili sulla sommità.

Questo arcobaleno, il più bello che ho mai visto, contiene tutte e tre queste caratteristiche. E’ comparso sulla strada del Grillese nei pressi di Poggio La Mozza, sabato scorso. Ho svoltato l’auto in un campo e sono sceso a scattare.

Sempre con il sole alle spalle, la luce sulla campagna durante gli arcobaleni regala condizioni fotografiche ideali: colori intensi caldi e freddi, forte contrasto, luce radente, talvolta luce diffusa e tonalità rare da vedere. Se la pioggia non ci raggiunge troppo da vicino non c’è perdita di definizione sulle distanze. Un filtro polarizzatore tornerebbe comodo anche.

In questo caso non volevo perdere nè la totalità nè il dettaglio ravvicinato, così ho scattato sia con il 20mm che con un 100mm in verticale, ruotando su me stesso e producendo 5 scatti che sono stati poi assemblati. Il giallo intenso dei campi è il risultato del sole che alle mie spalle stava tramontando tra nuvole e orizzonte.

L’arcobaleno compare e scompare continuamente da un minuto all’altro. Questo scatto è al massimo della sua intensità, proprio quando sembrava invece, pochi attimi prima, voler scomparire.

Città di Grosseto

giu-dan-piazzalavasca.jpggiu-dan-poste.jpggiu-dan-prefettura.jpggiu-dan-villinopastorelli.jpg

Due recenti post sono andati perduti con un recente ripristino di backup del sito.

Ecco alcuni scatti tratti da un servizio che andrà pubblicato sulla guida della Casa Editrice Innocenti.
Sono alcuni tra gli edifici storici cittadini più interessanti.

Il palazzo delle poste, bianco e imponente di tipica impostazione fascista, il palazzo del governo che costò 180.000 lire compreso il terreno e il villino Pastorelli dell’architetto Lorenzo Porciatti, eretto nel 1908. Curioso pensare che si trattasse della lussosissima casa di un facoltoso agricoltore e che quarant’anni dopo sarebbe diventato anche un albergo ristorante con sala danzante. Tutti questi edifici furono eretti in un solo ventennio, intorno alla piazza che era il nuovo ingresso della città. Porciatti, che ha dato il nome alla strada sottostante è lo stesso che ha tirato su il palazzo della provincia accanto al Duomo e il villino inglobato successivamente sopra al bar la vasca.

Tempesta di lampi

Fulmini verso il Giglio.jpgContinuo a fotografare la notte e a tentare la cattura dei lampi. Da casa mia, uno scatto in notturna in una delle notti di lampi più belle che ho mai visto. Una densità di fulmini all’orizzonte come mai avevo visto prima. Forse anche perchè vivendo al buio della campagna l’inquinamento luminoso amplifica la luna, le stelle e le fulminazioni all’orizzonte. Comunque sono stati tre giorni di pioggia e lampi davvero strordinari.

Lo scatto è sulla corte del borgo. La luce della luna piena alle mie spalle è così forte da far sembrare giorno con una esposizione di 20-30 secondi. Se vedete bene, si vedono anche le stelle. E uscimmo a rimirar le stelle.

Nebbia e fumo

Nebbia e AlbaFuoco e fiammeIn questi giorni, la città di Grosseto è coperta da una strana nebbia e dall’odore acre delle paglie bruciate. Complice l’umidità del mattino e la stagione dei fuochi, quelli che dopo la trebbiatura servono a pulire i campi dalle paglie secche. Ecco dopo le foto

di Massimo sui canali del diversivo, i fuochi continuano.

Nello stesso giorno, nel tragitto che separa casa mia dal lavoro, due scatti realizzati nei dintorni di Istia d’Ombone: la nebbia all’alba e gli incendi dei fuochi alla sera. Documentano l’inizio e la fine di una bella giornata, tra i colori freddi delle prime albe di ottobre e il rosso fuoco di un campo incendiato dai contadini.

Scusate l’assenza sul blog, sono giornate piene e difficili. Ho molte foto da pubblicare.. in arrivo nei prossimi giorni.

« Pagina precedente