Post taggati ‘poggio cavallo’

I sentieri delle stelle

Un esperimento di lunghe esposizioni per registrare il movimento delle stelle (il cosiddetto “startrail”). Cos’è uno startrail? E’ la composizione di una lunga serie di scatti in sequenza per comporre il percorso delle stelle in un unico momento. CONTINUA…

Poggio Cavallo, gli scatti della mostra

Ecco alcuni degli scatti dalla mia mostra fotografica di Agosto scorso.

Quindici anni fa, le mie prime esperienze con la fotografia cominciarono quasi a Poggio Cavallo. Girovagando con una vespa in giro per la Maremma su strade sterrate, un giorno arrivai qui per caso: pareva di tornare indietro nel tempo, la piazzetta del borgo sembrava un luogo d’altri tempi; spazzata dal vento, con il pozzo e gli archi della stalla sembrava uscita da un film di Sergio Leone.
Da allora ho passato un pò di tempo a Poggio Cavallo. Se siete turisti o visitatori di passaggio, questi scatti vi daranno la possibilità di percepire in pochi minuti tempi e stagioni diverse di questo bellissimo posto.

Il sito della tenuta di Poggio Cavallo

Poggio Cavallo, esposizione fotografica

poggio cavalloTra giornate di fuoco, senza volersi mai riferire alla temperatura bensì agli impegni di lavoro, riesco adesso a dedicare 5 minuti all’annuncio della mia esposizione fotografica dedicata a Poggio Cavallo. A partire dal 10 agosto nella sala laterale del ristorante, sulla piazzetta del borgo.

L’esposizione consiste di 30 scatti in grande formato tutti ricavati dalle mie giornate trascorse in questo posto. E’ quindi una esposizione celebrativa per un luogo caratteristico e originale della Maremma, nel suo significato di “preservazione”. Un raro luogo dove le trasformazioni del tempo hanno risparmiato la sua anima rurale e tradizionale.

Fulmini d’Agosto

fulmini al poggioSolo in questa stagione si vedono tempeste di lampi così. Sotto una coltre di nubi che riflettevano la luce di Grosseto e i goccioloni di una notte che non voleva piovere ho realizzato questi scatti. Fotografare i fulimini è come andare a caccia, tra pause e intervelli di esposizione  in cui ci vuole mira, ma anche molta fortuna.

Interni di Toscana – Ristorante Poggio Cavallo

ristorante_poggiocavallo_04ristorante_poggiocavallo_03ristorante_poggiocavallo_02ristorante_poggiocavallo_01

Aggiungo alla galleria Interni di Toscana gli scatti di questa ultima esperienza fotografica. Ho fatto qui largo uso della tecnica del braketing, reinventata dalla tecnologia digitale con l’HDR, high definition range. Cioè una esposizione multipla a forchetta di tre o più scatti che consentono di definire le gamme sia sulla luce che sulle ombre, ottenendo immagini calibrate e senza bruciature di esposizione o macchie nere.

Il luogo in questione è una grande e antica stalla del podere Poggio Cavallo, ristrutturata e arredata con eleganza affidandosi a bianchi e beige appogiati sui cotti del pavimento ed una morbida illuminazione  diffusa da grandi cilindri di tessuto. All’interno sono stati lasciati intatti gli abbeveratoi delle bestie e il grande fienile al piano superiore è divenuta una sala per eventi e conferenze.

Profondità di campo di grano

Oltre il crinale di grano, prima dell’ombrone. Tra luglio e agosto questa zona cambia dal verde intenso al marrone. Terra secca e balle di fieno trasformano i dintorni di questo poggio in una ambientazione che ricorda quella di un western. Poco distante da qui due giorni fa Franco Micalizzi suonava dal vivo “lo chiamavano trinità” con una orchestra di 18 elementi. Un evento passato forse un pò più inosservato di quanto meritasse. Molti leggendo questo forse si mangeranno le mani. Una serata all’insegna del Cinema dei ’70, suonando nella notte della cava di roselle i mitici brani di trinità e dei polizieschi di Umberto Lenzi. Grazie alla to out, per aver organizzato questo evento, per me dopo anni di visioni, pellegrinaggi nella valle dei mormoni e nottate di spaghetti western, davvero storico.


My status

Links

Alexarank

Ricerca