Domenica 20 si è tenuto il Palio dei Ciuchi. Una festa quasi rovinata dal cattivo tempo, ha piovuto fino alle 18.00, orario della sfida tra le contrade. Fino agli ultimi minuti non si sapeva se sarebbe stata rinviata per “rischio scivolamento asinelli”. Le strade di Vetulonia, compresa quella più grande che conduce al borgo e dove si tiene la corsa, sono tutte in pendenza. Alle finestre erano appesi i pali, cioè i drappi con le effigi della madonna conquistati dalle contrade vincitrici negli anni scorsi; compresi quelli dedicati a Isidoro Falchi, medico e archeologo che alla fine dell’ottocento scoprì al paese il vero nome di Vetulonia.

Mentre mi facevo un panino al bar, uno dei vecchi ha annunciato <<Andiamo ad asciugà gli asini vaiiii>> La corsa si sarebbe tenuta mezz’ora dopo. Ecco pochi scatti della giornata, alcuni dei quali conquistati dalla torretta della giuria.